Per la Primavera/Estate 2008 Bottega Veneta impiega le sue eccellenti capacità artigianali verso l’esplorazione di un abbigliamento maschile più morbido e fresco. L’atmosfera rilassata viene catturata da una palette di colori non-colori, toni scoloriti, sbiaditi che spaziano dal pietra al cemento in diverse gradazioni di grigio. Tocchi di oleandro, azzurro cielo, verde oliva pallido e giallo burro completano la tenue gamma di colori. I tessuti sono anch’essi su questa linea, morbidi e sgualciti, come se fossero stati lavati molte volte, spesso negligentemente. Troviamo il morbido cotone italiano, il lino, la tela ed eleganti combinazioni di cotone con seta, lino e viscosa.  Più sostanziali ma allo stesso modo più attenuate sono le pelli scamosciate e di vitello lavato. I colori solidi sono predominanti, accentuati a volte da scacchi Madras.

Per l’abbigliamento sportivo le forme sono comode, oversize, allungate e allentate. Le camicie sono più lunghe, tagliate su misura sulle spalle ma morbide e fluttuanti sul corpo. Le scollature più profonde allungano la figura e catturano l’attenzione sul collo e sulla parte superiore del torace. Magliette, giubbotti, giacche a vento e giacche a camicia in pelle, cotone e seta possono essere portate sopra t-shirt, camicie button-down a maniche corte o maglie in leggero cachemire versione estiva. I pantaloni, a vita bassa ma dal taglio non corto, allungano la linea della gamba. Anche gli shorts sono comodi, in cotone o lino a metà coscia o appena sopra il ginocchio. Le giacche sono morbide, in cotone vissuto con colletti rigidi e chiusure che ricordano le uniformi della marina. E per coloro che richiedono la massima versatilità dei capi troviamo abiti che possono essere destrutturati, con colletti e maniche staccabili. L’abbigliamento sartoriale rimane una questione prettamente Napoletana, costruito e cucito secondo le tradizioni dell’arte sartoriale. Anche qui prevale il tocco più leggero, evidente nelle giacche di meticoloso taglio sartoriale che pesano non più di una camicia.

Gli accessori riflettono anch’essi l’eleganza casual dell’abbigliamento. Le borse della stagione sono trasandate, morbide e magnificamente ricche di dettagli, realizzate in coccodrillo, struzzo, pelle di daino, tela, e lino nei toni carne e nelle sfumature pallide della pietra. Borse con manici più lunghi, morbidi borsoni in tela grezza, e nuove versioni della borsa da weekend con doppi manici sul lato superiore sono le nuove, pratiche ed irresistibili forme della stagione. Come sempre l’artigianalità è straordinaria, ne è un esempio la borsa in intrecciato a righe tono su tono realizzata con fettucce di differenti pellami. La gamma delle calzature spazia dai robusti sandali realizzati a mano e dai mocassini modello Espadrillas alle classiche calzature da abito con inusuali dettagli decorativi come i profili in pelle multicolore, le perforazioni e l’intrigante impuntura.

“Questa collezione è il seguito di ciò che abbiamo proposto nella collezione Autunno/Inverno, anche se in questa stagione siamo più concentrati sull’abbigliamento sportivo” spiega il Direttore Creativo Tomas Maier. “La sartoria Napoletana morbida e modellata sulle forme che abbiamo esplorato fin’ora rivela il resto del corpo. La collezione è caratterizzata da uno stile apparentemente indifferente e non curante, che ben si adatta all’uomo che non è interessato ad apparire “alla moda” ma che apprezza i valori del design unico nel suo genere, fatto di materiali eleganti e magnifica artigianalità”.

Categorie: Abbigliamento Uomo Tag: .

Articolo pubblicato da in data: 20.10.2007
Ultimo aggiornamento: 20 ottobre 2007