La donna al caleidoscopio.  Il nuovo eclettismo. Iridescente come le venature cristalline che indossa, sta per uscire dall’acqua che ci circonda. Forse abita lì sotto, immersa in una caleidoscopica e luminosa Atlantide del futuro.

Eccola che compare a noi terreni, avvolta da fluide trame minerali o corazzata da scarabei, sempre incorniciata dai colori e dai nastri delle feste del Sud che si porta dentro.
Dettagli scuba tradiscono il domicilio sottomarino, trame folk il legame con l’esotico, lampi fluo segnalano il techno che cresce in lei. Tintinnano, moderno allarme mentale, i metalli intorno a lei, mentre apre computer e fantasie, e prosegue nel viaggio di pensieri intorno al mondo.
Post romantica, ha assorbito esotismi metropolitani ed etnici, e con il filtro della natura affronta la suggestione delle nuove tecnologie per guardare al contemporaneo.
Anima globale, sicura di sé, propone in modo ironico inconsueti accostamenti.
Pietre e scarabei sono i suoi talismani, perché il suo spirito nomade non può fare a meno della luce e dei colori. In cui – e per cui – vive.

Categorie: Sfilate Tag: , , .

Articolo pubblicato da in data: 27.09.2007
Ultimo aggiornamento: 27 settembre 2007