Sarah Baderna, Miss Mondo Italia 2013, si racconta tra spettacolo e impegno civico in un’intervista  Sfilate.it.

La bellissima SARAH BADERNA, nativa del piacentino, vincitrice del titolo Miss Mondo Italia 2013, finalista del concorso mondiale Miss World 2013, testimonial e modella nelle sfilate di moda filippine Fibre Fashion Show (dal 17 al 20 ottobre scorso), presentatrice di eventi, co-conduttrice di programmi tv ed Artista new entry nell’agenzia LESARTISTES di Michele Piacentini, si svela a SFILATE.it.

Carattere pacato, testa sulle spalle, lavoratrice e persona sensata, nonostante la giovane età, tra le tante attività, è persino riuscita  diventare stilista di se stessa!

Perché hai voluto partecipare a Miss Mondo?
“La prima volta che ho partecipato a un concorso è stato nel 2009 (Miss Italia) dove sono arrivata a disputare la finale ma non contenta del risultato ho deciso di riprovare nel 2011 classificandomi al terzo posto. Per quanto riguarda Miss Mondo, inizialmente non volevo partecipare perché mi bastava il risultato ottenuto a Miss Italia ma mia mamma ha insistito affinché io partecipassi. PER FORTUNA!!”.

Ti saresti mai aspettata di andare in Indonesia per partecipare a Miss World?
“Durante le prime selezioni di Miss Mondo a cui ho partecipato non mi sarei mai aspettata di vincere. Solo durante la finale a Gallipoli quando siamo rimaste in due ragazze sul palco ho capito che avrei vinto!!! Comunque non ho realizzato che sarei  andata in Indonesia fino a pochi giorni prima della partenza”.

Come hai vissuto questa esperienza, anche dopo aver visto che il titolo era stato vinto da una ragazza filippina?
“Sono molto contenta che Megan Young abbia vinto. Non è la solita frase fatta, ne sono davvero convinta e dopo aver convissuto con le ragazze per un mese sono sicura che lei sia l’unica che si meriti davvero questo titolo.
Per me questa esperienza è stata fantastica: ho conosciuto tantissime persone fantastiche, visto posti meravigliosi che mai mi sarei immaginata di vedere nella mia vita”.

Dopo Miss World 2013 com’è cambiata la tua vita in Italia, se è cambiata?
“La mia vita non è cambiata tantissimo, perché comunque lavorando già da anni come modella sono abituata a viaggiare tanto: adesso lo faccio solo un po’ più spesso!”.

Quale è stato il tuo primo pensiero, dopo l’esperienza di Miss World, quando hai saputo di far parte della sfilata di moda filippina a Roma?
“Sono molto orgogliosa di aver preso parte alla sfilata di moda filippina: non sono solo una modella ma anche una stilista quindi avevo un doppio motivo per essere contenta di partecipare! Ho conosciuto nuove fibre da poter utilizzare per le mie collezioni”.

L’agenzia LESARTISTES di Michele Piacentini alla quale appartieni rappresenta per te lo sbocco in nuovi settori dello spettacolo. Cosa ti aspetti per il tuo futuro artistico?
“In futuro, spero non lontano, vorrei lavorare come conduttrice: ho già avuto alcune esperienze nel condurre vari eventi anche di grande importanza e spero che possa diventare presto un vero e proprio lavoro”.

Cosa consiglieresti alle ragazze che vorrebbero fare il tuo stesso percorso?
“Il mio consiglio è assolutamente quello di cercare sempre di realizzare i propri sogni, senza però mai dimenticare le cose davvero importanti nella vita: il rispetto (degli altri ma soprattutto di se stessi) e la famiglia”.

Sei fidanzata? Ai tuoi ammiratori, visto che rappresenti una forma di bellezza, cosa vuoi trasmettere?
“Sì, sono fidanzata e molto innamorata. Ho avuto la fortuna di trovare un bravo ragazzo che mi segue e mi sostiene in tutto quello che faccio: ci confidiamo molto e ci scambiamo tanti consigli l’uno con l’altra. Ho comunque sempre tante persone che mi scrivono soprattutto sui social network, e sono contenta che ci siano tante persone che mi ammirano. Spero di riuscire a trasmettere comunque che oltre all’aspetto fisico c’è una persona non stupida come tanti possono pensare e con la testa sulle spalle, che sa quello che vuole e che non ha paura di dire quello che pensa”.

Quali sono i valori fondamentali della vita, secondo te?
“Come ho detto prima sono il rispetto e la famiglia, le persone che ti vogliono davvero bene, senza secondi fini”.

Cosa ne pensi del movimento Scarpette Rosse (il movimento anti femminicidio) e quali suggerimenti ti senti di dare?
“Purtroppo la nostra è diventata una società patriarcale e a causa di un infinito susseguirsi di cattivi esempi, l’uomo pensa di essere superiore alla donna e di poter pretendere che essa obbedisca a ogni sua richiesta. Nella maggior parte dei casi di femminicidio, gli assassini fanno parte della famiglia: padri, fratelli, mariti,.. E credo che questo  dato sia davvero molto triste. Spero che vengano aumentate le pene  quando si parla di femminicidio e noi tutte chiediamo più certezza della pena”
di Raffaella Ponzo

Categorie: Speciali e Interviste Tag: , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: