In Italia tutto è possibile, anche che durante una fiera internazionale venga indetto uno sciopero dei trasporti pubblici.
Il settore calzaturiero, che di fatto non sta vivendo uno dei periodi migliori, chiude l’ultimo giorno di MICAM con l’amaro in bocca.
TheMICAM 2014Già, perchè theMICAM chiude con 33.372 presenze, di cui 17.606 stranieri ed uno sciopero che di certo non aiuta, anzi, esattamente il contrario.
Un calo di visitatori della manifestazione, condizionato dalla delicata situazione dell’area russa ma anche dall’inaspettato sciopero nazionale del trasporto pubblico e dalla conseguente difficile situazione della viabilità stradale.

Siamo davvero increduli di fronte allo sciopero nazionale dei trasporti indetto per oggi dai sindacati, proprio durante lo svolgimento dei saloni degli accessori milanesi, soprattutto pensando che tra meno di un anno la città ospiterà l’Expo – afferma Cleto Sagripanti, presidente di Assocalzaturifici.

Ricordando il monito del presidente di Confindustria Giorgio Squinzi, mi chiedo se questo sia davvero un paese normale, dove il lavoro e le eccellenze possano essere valorizzate, e soprattutto dove ci siano le condizioni per accogliere la grande sfida di Expo 2015.

Malgrado questi fattori decisamente negativi, theMICAM si conferma un appuntamento leader a livello globale, al quale gli operatori internazionali fanno riferimento per l’alta qualità delle collezioni in mostra e per le importanti occasioni di business”.

Categorie: Agenda Tag: , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: