Sara Biondi

Scoprire, ricercare… vivere tempi e modi. Ne parliamo con Sara Biondi

L'angolo dell'intervista, parliamo di moda con Sara Biondi, una trentenne frizzante, spumeggiante, alla ricerca continua della propria dimensione.

Sara Biondi è una trentenne frizzante, spumeggiante, alla ricerca continua della propria dimensione. Tra viaggi, sperimentazioni, scoperte e eccessi ha saputo ritagliarsi il suo personale spazio a Como. Non contenta di muoversi nella sua città natale, è migrata su una piazza che fa moda da decenni, Milano. Difficile non notarla, ma lo è ancora di più riconoscerla perché lei è davvero un tipo camaleontico, lei è una cool hunter.

Di professione cool hunter. Il mondo riserva così tante emozioni?
“Si, il mondo è una continua sorpresa e scoperta. Ogni giorno è un’emozione nuova.
Dal design alla moda, dal food all’arte, dalla musica alla cultura. Nuovi progetti, nuove idee, nuove ricerche. Un’emozione continua.”

Cool hunter si nasce o si diventa? In che modo?
“Io credo si nasca. Per me significa curiosità, ricerca, osservazione. La curiosità la si ha o non la si ha. Nulla da fare. La curiosità ti spinge ad andare oltre, a scoprire nuovi posti, nuovi “mondi”: arte, design, fashion, food, architettura, eventi. Andare “a caccia” di idee, progetti, persone, brand emergenti, novità per soddisfare passione e per trarne poi spunti su cui lavorare.”

Qual é il fattore determinante per colpire la tua attenzione?
Bella domanda. Non me la sono mai posta perché tutto mi colpisce. Riesco sempre a trovare in ogni cosa che vedo, tocco, assaggio qualcosa di speciale e sorprendente.

Se ti chiedessi di definire la moda? Cosa c’è di positivo e cosa di negativo?
“La moda è per me sperimentazione quindi una forma d’arte. Una visione del mondo e della società. Di negativo, il fatto che ci sia ancora poco spazio per i brand emergenti, per i giovani talenti, per le promesse del domani. Di positivo che sicuramente la moda si è aperta a nuovi orizzonti, ad approcci più creativi e fantasiosi, a nuove scommesse.”

Nero o colore? Anni Sessanta o Duemila?
Direi entrambi. Amo il nero in inverno perché è elegante e di classe. in estate spazio ai colori. Mi piace osare, esagerare ed essere eccessiva. Vintage per amore (in tutti i sensi). Amo il fascino di altre epoche, di anni passati che ritornano e apprezzo i nostri anni, fatti di brand emergenti, di sperimentazioni, di nuovi materiali, forme e colori.”

Mi daresti un’interpretazione dei nuovi mood?
“I nuovi mood sono trasgressivi, esagerati, energici. Mood stravaganti, frizzanti. Nuove espressioni, nuovi stili per una società che non si accontenta e chiede sempre di più.”

Se si parla di ricerca, più attenta quella legata alla moda oppure al design?
“Amo la moda quanto il design. Mi affascina tutto ciò che è ricerca perché da essa nascono nuove sfide, nuove opportunità, nuovi business e nuovi mercati. Ricerca è creatività, sfida, consapevolezza che si può fare sempre di più.”
Di Arianna Augustoni

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Ti potrebbero interessare…

Il look di Natale

Il look per la messa di Natale!

Moda Donna – Il look perfetto per la Messa di Natale? Sobrio, ma chic. Rosso, con tocchi di nero, elegante e sofisticato al tempo stesso

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy