Bar Refaeli posa su GQ con l’elmetto

Farà sicuramente discutere la copertina di GQ con Bar Refaeli nude look con elmetto militare.

Farà sicuramente discutere la copertina di GQ con Bar Refaeli nude look con elmetto militare.
Amata in patria per la sua bellezza e la sua forza di carattere, gli israeliani non hanno mai digerito l’escamotage con cui la super top model riusci a non prestare il servizio militare obbligatorio in Israele. Una terra che però Bar Rafaeli ama, e difende sempre a spada tratta, “Israele è un mondo libero e aperto”.

Colpa della madre manager, dissero infatti, quando scoppiò lo scandalo di Bar Refaeli che, pur di non fare il servizio di leva, si sposò in gran segreto con un amico di famiglia, classe ’67 e fu esonerata. La giovane modella con la pelle d’oro nell’intervista a GQ – che nel numero in edicola dal 3 maggio le dedica un’accattivante e inedita copertina – ha l’aria di una ragazzina normale, da vicina della porta accanto. A fare questo lavoro ha iniziato giovanissima, a otto mesi appena.

Chi l’ha aiutata ad arrivare al successo nel passaggio da bimba-modella a modella vera ?

«Mio padre e mia madre, naturalmente (sua madre, Zipi, ex modella, è ancora una donna bellissima, ed è il motore che spinge Bar, ndr). Senza di loro non sarei mai diventata la persona emozionalmente e mentalmente equilibrata che sono adesso. Quello della moda è un mondo pericoloso, pieno di insidie».

Che cosa prova oggi per Israele? Si sente più cittadina del mondo o del suo Paese? 
«Di Israele: è il mio cuore, la mia anima. Quello di Israele è un mondo libero e aperto, dove si vive una vita semplice, centrata sulla famiglia e sugli amici, non alienata. In Israele non si pensa solo a se stessi».

Che cosa sogna per Israele?
«Un futuro di pace e di armonia».

E per se stessa? «Sogno felicità e salute per le persone che amo, per la mia famiglia e per i miei amici. E poi sogno di essere felice. Di sposarmi, di avere figli».

Professionalmente, invece?
«Vorrei iniziare un business tutto mio, che mi somigliasse. Una cosa molto semplice, quindi: se si trattasse di creare “make-up”, per esempio, proporrei uno stile molto naturale. Come il mio».

Lei sembra, in effetti, una donna straordinariamente, incredibilmente normale. Mi dica la verità, non c’è proprio nessun prezzo da pagare per essere così belli? «Se c’è, non l’ho ancora scoperto. Sono una persona felice. Del resto non è che io mi alzi tutte le mattine dicendomi “mamma mia quanto sono bella”.

E poi, come tutti sanno, dopo 15 minuti che chiacchieri con una persona ti dimentichi che è bella. Le cose importanti sono altre: se io fossi differente, antipatica e strafottente, per esempio, nessuno vorrebbe lavorare con me. Sembra banale, ma è vero che la bellezza interiore è l’unica che rimane e che conta, alla fine».

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy