Depressione Postpartum: 2 nuove ricerche di La Casa Rosa

La ricerca, che avrà una durata complessiva di due anni, prevede di poter testare tra questi due ospedali un campione di circa 7000 donne.

In occasione della partecipazione all’evento Kids 2011, che si svolge a Milano venerdì 6 e sabato 7 maggio, Viviana Garbagnoli – presidente di La Casa Rosa – annuncia l’avvio di una complessa e rilevante ricerca commissionata da due importanti ospedali milanesi: l’Ospedale V. Buzzi e l’Ospedale San Carlo Borromeo.

La ricerca, che avrà una durata complessiva di due anni, prevede di poter testare tra questi due ospedali un campione di circa 7000 donne, di cui un 30% delle pazienti ha un’origine straniera, ricercando i fattori predittivi della depressione post partum partendo dal presupposto che la depressione è uno stato psichico dovuto a più fattori: culturali, sociali e psichici e che solo un intervento precoce può evitare alla mamma e al suo bambino delle situazioni di disagio o, addirittura, di “sprofondare” in situazioni di grave depressione con un notevole vantaggio per la salute della mamma ma anche per la relazione madre-bambino e di coppia.
Inoltre, se la depressione viene diagnosticata e capita in anticipo, il costo sanitario della cura, prevedendo il fattore acuto di insorgenza, abbassa i costi sanitari.

La ricerca prevede la costituzione di un “ambulatorio del puerperio” all’interno delle due strutture sanitarie dove la donna potrà rivolgersi durante la gravidanza e anche dopo il parto, conoscendo il team specializzato di Casa Rosa che la seguirà, in caso di bisogno, per tutto il periodo necessario. La Casa Rosa mette a disposizione per la ricerca il suo personale, che somministrerà alle donne i vari test nelle diverse fasi della gravidanza e dopo, al fine di poter monitorare se esistono fattori predittivi che possano far pensare che potrebbero, alcune di loro, andare incontro ad una vera depressione post partum. Inoltre il team di la Casa Rosa formerà e supervisionerà il personale degli ospedali coinvolto nella ricerca al fine di applicare la teoria “meglio prevenire che curare”.
Il progetto di ricerca-intervento è attualmente nella fase “prenatale”, forse quella più difficile:  quella  di sensibilizzare le Istituzioni territoriali e le aziende per cercare di ottenere i finanziamenti  necessari per sviluppare un percorso che metta le basi per la formulazione di un protocollo operativo atto a prevenire e a tutelare la salute della donna, in un periodo così particolare quale è la gravidanza e soprattutto il puerperio.

Le ricerche sono un ennesimo riconoscimento per La Casa Rosa che già si avvale  del Patrocinio del Comune di Milano che ha aderito al percorso sanitario offrendo alle lavoratrici del Comune di Milano che andranno in maternità, e che lo desiderino, l’intervento delle professioniste di Casa Rosa.
La Casa Rosa ha inoltre avviato recentemente con manageritalia.it il progetto Un Fiocco in Azienda, che permette di gestire al meglio la maternità delle dipendenti: facilitando la gestione della gravidanza ed il rientro al lavoro delle neo-mamme.

La Casa Rosa, associazione senza scopo di lucro che si mantiene grazie alle donazioni di enti e cittadini sensibili alle problematiche che riguardano le donne durante e dopo la gravidanza, fondata da un gruppo di professioniste

La Casa Rosa, inaugurata il 22 febbraio 2010, è gratuita e senza impegno per i primi due colloqui orientativi. Si trova in Largo Augusto, 3 a Milano (MM1 San Babila).

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy