Scarpe Loriblu

Loriblu, quando una calzatura racchiude tutta la magia del made in Italy

Le scarpe sono da sempre la passione delle donne e questo Graziano Cuccù, designer e fondatore della Loriblu, lo sa molto bene, tanto da averne fatto, oltre che una passione, un lavoro che inizia negli anni ’70 insieme alla moglie Annarita Pilotti, CEO Loriblu, da lì il successo e l’ascesa del brand non si sono più fermati. Oggi vende i suoi ricercati modelli donna e uomo, testimoni ed eccellenza del Made in Italy, in buona parte del mondo. Scopriamo in questa intervista la storia dell’azienda, i pezzi iconici del momento e i progetti che ci riservano per il futuro.
Di FRANCO LORENZON

Qual è stata l’evoluzione nel tempo del marchio Loriblu?
La storia Loriblu nasce agli albori degli anni ’70, quando ho iniziato a ideare e realizzare i primi modelli di calzature nel garage di casa, utilizzando una vecchia lavatrice come scarta-cuoio.
Il primo grande successo è arrivatI proprietari di Loribluo con il modello Mignon, realizzato con semplici striscioline di pelle intrecciate tra loro, Loriblu fece subito tendenza e vendette circa 110.000 paia di calzature. La crescita è poi proseguita nel tempo e negli ultimi 20 anni l’azienda si è sviluppata sia a livello nazionale che internazionale. Nel 2010 abbiamo inaugurato un nuovo modernissimo stabilimento industriale in grado di soddisfare le nostre esigenze produttive e aziendali. Abbiamo celebrato il nostro 40esimo anniversario nel 2014; oggi Loriblu è un brand riconosciuto e questo è per noi un vero motivo di orgoglio.

Che cosa è cambiato nel disegnare una collezione di scarpe da ieri a oggi?
Non è cambiato nulla: da più di 40 anni l’eleganza, la classe, l’unicità, la passione caratterizzano tutti i nostri modelli ed indossare Loriblu significa vivere con stile il fascino del proprio tempo.
In linea con l’evoluzione delle tendenze, con l’aggiornamento, la ricerca stilistica, lo sviluppo tecnologico, manteniamo il nostro stile che è ciò che ci identifica e distingue nel mercato.

Quali sono i segreti per avere il successo che avete?
Fin da quando abbiamo iniziato, abbiamo sempre ritenuto basilari alcuni principi come la manifattura 100% made in Italy, la serietà, l’attenzione alla qualità, alla raffinatezza, ai dettagli e alla preziosità.
A distanza di tanti anni, questi sono ancora oggi gli elementi fondanti della nostra filosofia, che ci vengono riconosciuti dal mercato internazionale e che ci consentono di affermarci in un contesto così competitivo. E poi ovviamente lo stile delle nostre calzature, attraverso cui testimoniamo la moda italiana nel mondo.

Ci parli dei pezzi must A.I. 2016/17 e della capsule in velluto?
Per l’Autunno Inverno 2016/2017 Loriblu porta la natura nelle proprie creazioni. Il distacco tra l’uomo e la donna contemporanei e la bellezza della natura scompare: i modelli rendono reale un po’ di quel paradiso perduto che è sempre più lontano dalla routine e dal mondo tecnologico e stressante 2.0. Da questo concetto nascono la capsule collection ispirata a Gauguin ed al suo celebre quadro “When are you getting married”, la capsule collecion Woodland che simboleggia un bosco verticale e la capsule collection in velluto, tessuto nobile, emblema di ricchezza e preziosità, intenso, setoso ma totalmente naturale.

Un accenno alla collezione P.E. 2017 e quali sorprese ci aspettano da Loriblu per il futuro?
Per la primavera estate 2017 potrei dire che Loriblu regala alla donna e all’uomo una collezione inconsueta, dove però trovano sintesi le migliori capacità di innovazione, design, artigianalità made in Italy, tutti perfetti interpreti della tradizione manifatturiera delle Marche, il più importante distretto calzaturiero del mondo.

Tanti temi legati da un unico filo conduttore: l’eleganza e lo stile Loriblu.
Gli obiettivi futuri restano consolidare il mercato interno e spingere sull’internazionalizzazione sia in USA, dove abbiamo aperto uno showroom a New York, che in Europa, nel Middle East e Far East.
Nelle ultime stagioni abbiamo incrementato il volume d’affari anche in Cina: abbiamo aperto il primo negozio a Pechino e posto una base diretta attraverso un nostro showroom a Shanghai.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy