From Venice to Venice: Roberta di Camerino apre le porte del suo storico atelier

Roberta di Camerino apre le porte del suo storico atelier al Venetian Heritage.

Roberta di Camerino inaugura la 4 giorni dedicata al Venetian Heritage, Fondazione Americana no-profit che fa parte del Programma Unesco, protagonista dal 6 al 9 giugno, di uno speciale programma a cui parteciperanno  la Principessa Marie Christine di Kent con il marito, il Principe  Michael, membri del Consiglio Direttivo del Venetian Heritage, la Principessa Sibilla di Lussemburgo, Michele e Marina di Grecia, Marina Cicogna con Florinda Bolkan e Ines Sastre per la raccolta di fondi a favore dei progetti di restauro a Venezia e nei territori che in passato facevano parte dell’impero della Serenissima. In questa occasione, sarà presentata anche la prima pubblicazione del Venetian Heritage in cui è lo stesso Ministro per i Beni e le Attività Culturali, Francesco Rutelli a spiegare l’importanza della Fondazione quale “trait d’Union tra la città lagunare e i territori dalmati che ne furono un tempo possedimento, ma anche come sostegno finanziario per il recupero di tutte le opere d’arte cittadine, dall’architettura, alla musica, alle fine-arts, a quelle appartenenti all’ASAC, Archivio Storico delle Arti Contemporanee della Biennale di Venezia “.

A tale proposito la griffe Roberta di Camerino, nata proprio a Venezia nel 1946 dalla creatività di Giuliana Coen Camerino, sarà artefice di una mostra summa dei suoi successi: “60 Anni di Fashion Design provenienti dai suoi Preziosi Archivi”.

Si aprono così le porte del suo storico Atelier a Palazzo Loredan Grifalconi, Calle della Testa, in cui saranno esposti come in una galleria d’arte, i  disegni e i prototipi originali, narrati i segreti della lavorazione dei tessuti e dei velluti ripresi da antiche tecniche veneziane e dei modelli realizzati con materiali di alto artigianato artistico. Immancabili saranno poi le borse, vere protagoniste della “leggenda” Roberta di Camerino nel mondo, apprezzate negli anni da nomi come  Coco Chanel e Christian Dior, Grace Kelly, Andie McDowell, Isabella Rossellini e  Madonna. Il tutto in un caleidoscopio di forme e colori in cui la fa da padrone il motivo “trompe l’oeil”, tecnica pittorica introdotta per prima dalla stilista nella moda, declinato su foulard, accessori, calzature e pret a porter in una cornice da favola a metà tra 14° e 15° secolo.

Inoltre, la maison prosegue la sua opera a favore del Venetian Heritage devolvendo il 10% del ricavato delle vendite che verranno effettuate tra il 6 e il 10 giugno nella sua boutique di Piazza San Marco.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy