PUNTARE ALLA QUALITA’ PER COINVOLGERE IL CONSUMATORE. LA CARTA DI IDENTITA’ DELLA SCARPA ITALIANA TRACCIA LE LINEE DEL CONSUMO CONSAPEVOLE.
Nasce un sistema coordinato di informazione per riconoscere un prodotto di qualità

Ce.Se.Ca. – Centro Servizi Calzaturiero di Lucca – lavora da alcuni anni ad un importante progetto di sviluppo della tracciabilità applicata alle calzature. Promosso dal Ministero dell’Ambiente insieme alla Camera di Commercio di Lucca, il lavoro ha come obiettivo la possibilità di individuare, archiviare e soprattutto mettere a disposizione del pubblico tutte le informazioni legate al ciclo di vita di ogni singolo paio di scarpe prodotte in Italia, attraverso la creazione di una vera e propria Carta di Identità della scarpa.
Il sistema informativo creato da Ce.Se.Ca suggerisce con forza alle aziende la necessità di  comunicare al consumatore la storia della scarpa che producono, tracciandone il ciclo di vita e quindi di far sapere al mercato che la loro qualità deriva dalla scelta dei migliori materiali, da un sistema di produzione affidabile e controllato, da un’etica aziendale basata sul rispetto dell’ambiente ma soprattutto dalla attenzione rivolta al benessere del consumatore.
Risultato finale di questo importante progetto è la creazione di un vero e proprio documento di identità della scarpa che deriva dalla raccolta dei dati forniti dalle aziende appartenenti ad un Ecodatabase (archivio di dati eco-compatibili) relativi alla azienda calzaturiera e quindi al suo prodotto).
Il documento virtuale, la Carta di identità della Scarpa potrà essere scaricata facilmente e liberamente da  internet, attraverso l’accesso al portale di Ecodatabase.

Cosa è la Carta di identità della Calzatura
La Carta di identità della Calzatura parte da un semplice presupposto, creare una cultura dell’informazione, del rispetto, della salute del consumatore proponendo condizioni di reciproca collaborazione tra aziende e consumatore che per la prima volta diventa soggetto attivo di una strategia di informazione.
Lo sviluppo del progetto è soprattutto quello di creare un nuovo e più sicuro sistema di garanzia dei prodotti italiani, si tratta di un volano per tutto il sistema calzaturiero che contribuirà attraverso la sua partecipazione, a stimolare un consumo sempre più ecologico e sostenibile. 
E’ in questo scenario che si inserisce l’ iniziativa promossa da Ce.Se.Ca. che grazie al Ministero dell’Ambiente ed alla Camera di Commercio di Lucca ha lanciato il primo esempio in Italia di tracciabilità della calzatura, offrendo una soluzione adeguata e coerente con le normative in materia di contraffazione e rispetto dell’ambiente.
Con la Carta di identità della scarpa è possibile dunque, tramite una semplice connessione ad internet, entrare in possesso di tutte quelle informazioni relative al ciclo di vita di un prodotto, rendendolo  molto più interessante per il consumatore finale.
E’ proprio in questa direzione che il progetto di tracciabilità tende a soddisfare l’interesse del target nei confronti dell’ambiente, della salute, della qualità della vita e quindi della qualità globale di un prodotto.
La Carta di identità della Scarpa lanciata da Ce.Se.Ca. mira a coinvolgere tutte quelle aziende che hanno già compreso l’importanza di questo progetto ma soprattutto ha come scopo fondamentale quello di riuscire a costruire una rete di collaborazioni sempre più ampia che permetta di creare un sistema di produzione e di informazione totalmente garantito.

Ecodatabase, la nuova banca dati del sistema calzaturiero italiano
Con Ecodatabase, la banca dati del settore calzaturiero, le aziende aderiscono ad un sistema corretto di produzione, sostengono l’ambiente e contribuiscono a creare consumatori interessanti e consapevoli delle dinamiche di un mercato di qualità.
I consumatori hanno la possibilità di verificare direttamente  la provenienza del prodotto, e dei suoi contenuti mentre i produttori hanno a disposizione banche dati a loro riservate che facilitano la possibilità di progettare calzature ecologiche.
Scegliendo un prodotto italiano ma soprattutto “salutare” si ha così la possibilità di aderire ad una nuova etica del consumo e della qualità.
L’intento di Ce.Se.Ca. è stato quello di realizzare un Centro Pilota ed un sistema informatico denominato appunto EcoDatabase che si propone di raggiungere più obiettivi:
permettere la gestione integrata delle informazioni relative alla compatibilità ambientale nel settore delle calzature; sostenere la progettazione eco-consapevole delle calzature; fornire un sistema di servizi di controllo, marcatura e certificazione della eco-compatibilità del prodotto calzatura; promuovere il rispetto dell’ambiente come valore aggiunto nella competitività delle aziende del settore calzaturiero.
La realizzazione di questo sistema di raccolta ma soprattutto di diffusione delle informazioni presuppone la raccolta di dati aggiornati in tempo reale su: compatibilità dei materiali, tecniche utilizzate durante la produzione e sistemi di smaltimento o riciclaggio del prodotto alla fine del suo ciclo di vita oltre che naturalmente un controllo efficace di componenti e prodotti finiti.
La ricerca delle informazioni avviene poi in modo semplice ed in tempo reale su internet per mezzo dell’accesso al portale di Ecodatabase, un portale tematico appunto dedicato alle scarpe ecocompatibili.

Un network di aziende che crea consumatori attenti e informati
Il progetto della Carta di Identità della scarpa coinvolge una serie di aziende del settore calzaturiero  che hanno riconosciuto  in questa iniziativa uno strumento indispensabile per offrire una qualità diversa e verificabile dei propri prodotti oltre che sviluppare la nascita di un diverso valore aggiunto del prodotto italiano.
Chiunque acquisti un prodotto dotato di Carta di Identità ha la possibilità di avere una conferma concreta ed un controllo diretto di quello che ritiene essere un prodotto di qualità eco-compatibile nei materiali, nel design, nei sistemi di produzione, nel rispetto delle normative a tutela dell’ambiente e soprattutto un prodotto che non inganna e sostiene il benessere del consumatore stesso e quindi di tutti noi.

I Soggetti Promotori
CAMERA DI COMMERCIO DI LUCCA e
CESECA

Categorie: Trade News.

Articolo pubblicato da in data: 03.12.2007
Ultimo aggiornamento: 3 dicembre 2007