La moda incontra l’arte contemporanea: PENNYBLACK, per presentare il nuovo store a Milano, ha chiesto al più grande fotografo africano, Malick Sidibé, di interpretare attraverso il suo stile unico le creazioni del brand.
Nascono così i 12 scatti in cui l’artista, consacrato all’ultima Biennale d’arte di Venezia con il Leone d’oro alla carriera, “ritrae” le ragazze di Bamako, la sua città, vestite con un cappotto icona della collezione Pennyblack. L’evento è particolarmente eccezionale, perché è la prima volta che l’artista lavora per una casa di moda.

Lo shooting si è tenuto nel mese di giugno 2008 a Bamako, capitale del Mali, dove l’artista africano ha aperto il suo studio nel 1962. Malick Sidibé è noto per la grazia e la spontaneità dei suoi ritratti, in realtà studiati e preparati con grande cura. All’artista basta un’occhiata per capire la personalità di chi gli sta davanti, due chiacchiere e una raccomandazione finale: «Attention, souriez… et  la vie est belle!».

Insieme alle 12 foto per Pennyblack, lo store di Corso Vittorio Emanuele a Milano ospita una selezione di scatti inediti (in mostra dal 29 ottobre al 29 novembre 2008) degli anni Sessanta e Settanta, mai stampati né esposti prima in Europa, a cura di Laura Serani e Laura Incardona.

«Negli anni Settanta, gli Europei credevano che vivessimo nudi sugli alberi. Dalle mie foto si capisce invece che eravamo assolutamente à la page, proprio come gli Occidentali». Malick Sidibé, divertito, parla così dei suoi ritratti. E le eccezionali foto di questa mostra gli danno ragione: scattate tra i primi anni Sessanta e Settanta, non sono mai state esposte. Raccontano il Mali dei primi anni dell’indipendenza, anni pieni di speranze e voglia di vivere. Ci sono i ragazzi con gli occhiali da sole e i blue jeans, le donne con i coloratissimi abiti tradizionali e la borsetta al braccio oppure in minigonna. Nel loro complesso, diventano il ritratto di un Paese, capace di aprirsi alla modernità senza tradire il proprio passato. Malick Sidibé è un grande ritrattista, ma diventa anche uno dei narratori più importanti della storia del Mali.

Malick Sidibé
È nato nel 1935 o nel 1936 in Mali. A Bamako studia disegno e gioielleria e, subito dopo il diploma, il fotografo Gérard Guillat-Guignard, noto come Gégé la pellicule, gli chiede di decorare il suo negozio. È il 1955 e Malick rimane folgorato dalla fotografia. Rimane da Gégé come apprendista e nel 1962 apre il suo atelier, lo Studio Malick, nel quartiere popolare di Bagadadji: inizia la sua carriera.
Se l’altro grande della fotografia africana, Seydou Keïta, è famoso per i suoi ritratti in studio, Malick racconta anche le notti di Bamako: il Mali ha ottenuto l’indipendenza da due anni e la città ha voglia di festeggiare

Malick frequenta le feste dei ragazzi che si vestono all’occidentale e ballano al suono del giradischi: le sue foto ritraggono giovani pieni di gioia, di voglia di vivere, di fiducia in un avvenire che, tutti sono certi, sarà bellissimo. Non c’è avvenimento a cui Malick non venga invitato: se non può partecipare, se ne sposta l’orario o addirittura il giorno. A metà degli anni Settanta decide di smettere di fotografare le feste in città o in riva al fiume e continua il lavoro in studio, lasciando con le foto di questo periodo la testimonianza fondamentale di un Paese e di un’epoca.

I ritratti in studio continuano a mantenere lo spirito dell’artista: lui stesso mette in posa le persone, dopo averci brevemente chiacchierato. Poi, quando è soddisfatto, lancia l’immancabile raccomandazione: «Souriez, la vie est belle, souriez! ».
Nel 1994, durante la prima edizione dei Rencontres de la Photographie de Bamako (la manifestazione più importante di fotografia africana) autori e critici occidentali scoprono il suo talento e da lì inizia per lui una seconda giovinezza, questa volta tra Europa e Stati Uniti, dove espone sempre con grandissimo successo. Malick però non è cambiato: continua a pregare cinque volte al giorno, a lavorare (sia pure a ritmi più lenti, a causa dell’età e della salute) e a incontrare chiunque gli voglia parlare. Le sue caratteristiche sono la cortesia, il sorriso aperto e una saggezza allegra e profonda al tempo stesso.

Oggi Sidibé è considerato il più importante fotografo africano. La Biennale d’arte di Venezia 2007 lo ha consacrato con il Leone d’Oro alla carriera, un riconoscimento doppiamente importante perché è la prima volta che viene assegnato a un fotografo. L’artista era già stato insignito del Premio Hasselblad, nel 2003, e, a metà dello scorso marzo, dell’ICP Award (tra i più importanti premi del mondo della fotografia).

Il Brand
PENNYBLACK nasce nel 1978 ed è oggi uno dei marchi femminili più diffusi in Italia ed in costante crescita e sviluppo in Europa, Asia Centrale, Estremo Oriente, Sud America e Australia.
Affiancano la linea principale le collezioni PENNYPULL, dedicata ad una maglieria ricercata e femminile, e NEWPENNY capi per le occasioni informali.

Tratti distintivi di PENNYBLACK sono un ottimo rapporto qualità-prezzo e la capacità di soddisfare una donna dinamica e sicura, che cerca uno stile sofisticato ma easy-to-wear, materiali raffinati e finiture accurate.

Le collezioni sono create, prodotte e distribuite da Manifatture del Nord e sono frutto del lavoro di un gruppo di giovani stilisti innovativi, provenienti da tutto il mondo, a conferma della costante attenzione che l’azienda dedica alle più interessanti novità emergenti nel panorama della moda.

Manifatture del Nord è una società di Max Mara Fashion Group.

Max Mara Fashion Group
Fondato nel 1951, attualmente il Gruppo Max Mara è presente sul mercato con 23 collezioni, create su una base comune di qualità, stile e rispetto della personalità che l’azienda di Reggio Emilia  offre coerentemente in ogni suo prodotto, rappresentando oggi un modello e un punto di riferimento per il prêt à porter italiano nel mondo.

Categorie: Trade News Tag: .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: