Ventate anglo-americane e purismo delle linee. Spirito bucolico e rilassata eleganza d’antan. Classico, con twist. La collezione Mauro Grifoni a/i 07/8 tratteggia i contorni di un novello, idiosincratico ben vestire: nonchalant eppur preciso, wasp ma non troppo, ricco di iconici dettagli. Sempre leggero, sottotono, sfumato.

Parka agresti e trench abbreviati, realizzati in tessuti oleati e poi lavati, sono la base di un guardaroba da moderno gentleman di campagna. S’accompagnano a pantaloni smilzi, corti, o al contrario over, dalle tramature evidenti, camiciole a righine con lo stemma ricamato e cravatte sottili a disegni tartan. Le giacche doppiopetto di shetland lavato hanno gli orli vivi, ma cuciti; il montone è stone-washed, mentre la maglia si fa spessa, intensa fino a sostituire il giubbotto. Il risultato è sofisticatezza en plein air, densa di tradizione ma non nostalgica, anzi dinamica.

La parte Denim mescola la compostezza del vestire da college con la romantica esattezza delle uniformi da marina. Le camicie sono di Oxford o cotone lavato; il  peacoat si sovrappone a felpe rigate e chinos dai lavaggi vigorosi. Bretelline mod e brogues dall’aspetto vissuto punteggiano il quadro.

La parte Supervintage, realizzata interamente in Giappone, è essenziale nel design ma ricca nello spirito, fatto di vestibilità secche opposte a fit rilassati. I cinquetasche, qui, si alternano ai chinos.

La ricerca di un nuovo, rarefatto classicismo, fatto di linee pulite e finiture eccellenti, caratterizza in fine la parte sartoriale della collezione. La linea è accostata al corpo. Le giacche due bottoni dalla scollatura profonda e le spalle insellate si accompagnano a pantaloni a sigaretta, camicie dal tocco bespoke, pregiate maglie pesopiuma e stivaletti Beatle dalla linea affusolata e volutamente anonima.
Una autentica celebrazione di eleganza come ricercata semplicità.

Categorie: Abbigliamento Uomo Tag: .

Articolo pubblicato da in data: 23.04.2007
Ultimo aggiornamento: 23 aprile 2007