Per il prossimo inverno Bottega Veneta ricerca una formalità distesa e raffinata attraverso abiti rigorosamente artigianali.

La collezione combina la sensibilità tipica di Bottega Veneta, delicata e morbida, con la sartorialità italiana, particolarmente attenta al corpo.
Il punto di partenza è la silhouette, aderente e asciutta, con la precisione pulita ma sensuale di un disegno eseguito a mano.
I colori sono austeri e ben definiti, una palette tinta di nero, grigio metallo, bronzo, talpa, cammello e pergamena. Le classiche geometrie maschili – quadrettato, scozzese e fil-a-fil- donano un senso architettonico di ordine alle giacche sartoriali e ai pantaloni in finissima lana inglese.
I capi più sportivi rivelano, sulle superfici, un eguale senso della struttura, raggiunto attraverso il lavaggio o il trattamento dei tessuti fino a che non diventano morbidi e compatti, con una vestibilità confortevole e disinvolta. Anche la pelle è lavorata fino a diventare duttile e cedevole, come nella giacca blouson in pelle di capra invecchiata o il cappotto militare in pelle di agnello sfoderato.
Il capo più formale della collezione è il tuxedo, impeccabilmente sartoriale, di lana pregiata, interamente rifinito a mano dai rever alle asole. Si indossa sulla camicia di cotone e seta color pergamena, accessoriata di gemelli in oro intrecciato a mano.

Il codice dell’abbigliamento formale Bottega Veneta include anche elementi come foulard di seta, cravatte e bretelle di coccodrillo.

“L’Italia ha una straordinaria tradizione in materia di sartorialità maschile” spiega il Direttore Creativo Tomas Maier.

“E’ abbastanza differente da quella Inglese – più delicata e attenta al corpo, con un incredibile livello di artigianalità. Quando abbiamo cominciato ad esplorare lo stile più formale all’interno della collezione, abbiamo considerato queste tecniche proprio per vedere quanto fosse possibile sperimentare, per riuscire a creare un abito straordinario senza dover entrare nell’ambito del fatto su misura”.

Categorie: Abbigliamento Uomo Tag: .

Articolo pubblicato da in data: 14.09.2007
Ultimo aggiornamento: 14 settembre 2007