Il processo per la morte del Re del Pop continua, con colpi di scena e rivelazioni in aula.
Questa volta la deposizione pare sia favorevole a Conrad Murray, il medico del cantante accusato per omicidio colposo.
Dopo che Edward Chernoff, che guida il team difensivo, aveva sostenuto che un estraneo potrebbe essersi introdotto in casa e aver sommistrato l’iniezione letale di Propfol al cantante, ora è l’infermiera Cherilyn Lee a sostenere che fu lo stesso Michael a chiederle una dose di anestetico ‘propofol’ per riuscire a prendere sonno, ma che lei non gliela somministrò.

Ora starà ai giudici ascoltare tutti i teste e mettere chiarezza sulla fatalità che si verificò il 25 giugno 2009.

Intanto Jako continua ad appassionare i suoi fans, che mai hanno smesso di amarlo e di piangere la sua scomparsa.

Ma non solo misteri e speculazioni, continuano anche le attività benefiche del cantante, anche dopo la sua prematura scomparsa, lo scorso giugno la giacca di Thriller, indossata da Michael Jackson nel video è stata battuta all’asta a Beverly Hills. Il pezzo se l’è aggiudicato un texano che ha voluto portare in giro per il mondo l’indumento con lo scopo di raccogliere fondi per associazioni a favore dei bambini.

Categorie: Agenda Tag: .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: