Il fascino di una collezione sospesa tra il passato e il presente, Roberto Del Carlo definisce la sua cifra stilistica con forza e determinazione. Le sue lavorazioni sono uniche ed inimitabili, preziose come la tomaia che avvolge l’intera calzatura tacco compreso con pellami spettacolari nella grana e nella finitura.
Vitelli, capretti e camosci di qualità superiore, brillanti, mossi e inaspettatamente morbidi.
Roberto Del Carlo gioca con i volumi e le texture per creare ciò che lui definisce semplice. Ma la sua realizzazione è tutt’altro che semplice e rimane invariata dalla sua prima collezione a oggi, spingendo fuori dal fashion il concetto di lusso e attribuendo nuova credibilità al termine.
L’obiettivo è la realizzazione di oggetti belli e “normali”, dove la portabilità e la qualità diventano la prerogativa essenziale.

Stivali cascanti sulla gamba o “seconda pelle”, décolletées accollatissime su forme avvolgenti, derby maschili e rigorosi, ballerine sottilissime con il fondo in para, mocassini lady-style, cow-boy sofisticati. Su tutta la collezione il tacco a luna che su tutte le altezze è dettaglio di stile contemporaneo.  Riscoperta della cucitura “San Crispino”  che disegna con punti regolari i margini del plateau creando nuove solide proporzioni.

Nero, cioccolato, testa di moro, fumo, bordeaux, la palette è sintetica come lo sviluppo dei modelli che si concentra su piccole varianti, dettagli minuziosi, cuciture impercettibili o volutamente più evidenti.

Categorie: Scarpe Donna.

Articolo pubblicato da in data: 23.11.2007
Ultimo aggiornamento: 23 novembre 2007