Buffon da poco veste la nuova linea Puma performance PowerCat 1.12 di cui il modello di punta è la scarpa da calcio , pensata per fornire ai giocatori la massima potenza e migliorarne le performance in campo grazie alla perfetta combinazione di ingegneria e comfort.

La PowerCat 1.12 utilizza la nuova tecnologia PUMA 3D Power Technology DUO applicata nella zona di calcio all’interno della scarpa; realizzata in un innovativo materiale termoplastico con due diversi gradi di durezza, ha il vantaggio di rendere lo scarpino altamente reattivo donandogli caratteristiche di rimbalzo uniche.

La nuova PowerCat 1.12 è indossata da diversi giocatori internazionali PUMA tra cui le stelle della Nazionale e della Juventus Gianluigi Buffon e Giorgio Chiellini, il capitano del Manchester United Nemanja Vidic e il campione del Barcellona Cesc Fabregas.

A causa dell’ammonizione ricevuta nella sfida contro la Lazio, Claudio Marchisio non scenderà in campo nella sfida tra Napoli e Juve.
Conte, quindi, si ritrova a dover rinunciare a uno dei giocatori più in forma in questo momento e il suo rimpiazzo non sarà facile.

PAZIENZA IL CANDIDATO PRINCIPALE
Molto probabilmente, Antonio Conte sostituirà il giovane centrocampista azzurro con Michele Pazienza, il quale avrà la possibilità di fare la prima partita da titolare con la Juve proprio contro l’ex squadra.
Pazienza andrà a ricoprire il ruolo che attualmente è ricoperto da Vidal, cercando di garantire la stessa copertura che ha offerto il cileno sin dall’inizio del campionato.
Pirlo rimarrà nella posizione centrale davanti alla difesa, mentre Vidal andrà a tappare il buco lasciato da Marchisio sul centro-sinistra.

ANCHE ESTIGARRIBIA E GIACCHERINI IN ALLARME
L’altra ipotesi probabile è quella che prevede il rimpiazzo di Marchisio con uno tra Giaccherini ed Estigarribia.
I due giocatori non sono dei centrocampisti puri, ma potrebbero garantire gli stessi inserimenti e la stessa velocità del “Principino”.
L’unica dubbio è che i due bianconeri non sono tra i calciatori più utilizzati nella stagione: in particolare, da quando Conte ha cambiato modulo, sia Giaccherini che Estigarribia hanno collezionato solo una manciata di minuti nei finali di partite.
Di conseguenza, sarebbe rischioso farli esordire sin dal primo minuto in una squadra con un modulo nuovo e in una posizione a loro non congeniale.

RITORNO AL VECCHIO MODULO
L’ultima opzione è quella di tornare al modulo di partenza, cioè il 4-2-4 che sembrava il marchio di fabbrica dell’attuale allenatore bianconero.
A quel punto, Vucinic e Matri sarebbero le due punte d’attacco, mentre uno tra Estigarribia, Giaccherini, Elia e anche lo stesso Quagliarella giocherebbe nel ruolo di ala sinistra.
Fra le tre opzioni, quest’ultima è quella meno probabile dato che, da quando è stato modificato il modulo fino ad oggi, la squadra bianconera ha ottenuto quattro successi su quattro.
L’ultima comparsa del vecchio modulo risale alla partita in casa col Genoa in cui la Juve non offrì una prestazione esaltante e mostrò dei limiti che fecero sorgere dei dubbi riguardo i valori della squadra.

LA FORMAZIONE
L’unico problema di formazione, quindi, è l’assenza obbligata di Marchisio. Anche Quagliarella, che nel weekend aveva avuto l’influenza, è disponibile per la trasferta partenopea e sembrerebbe anche il candidato principale a rilevare il posto da titolare di Vucinic, il quale non è apparso in forma nelle ultime partite, anche se il montenegrino rimane in vantaggio.
Per il resto la Juve si dovrebbe scendere in campo con un Buffon in piena forma tra i pali, difesa con Lichsteiner, Bonucci, Barzagli e Chiellini, centrocampo formato da Pirlo, Vidal e Pazienza, attacco con Vucinic (o Quagliarella), Pepe a supporto dell’unica punta Matri.

Categorie: Agenda, Chi veste chi Tag: , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: