Una grande mostra organizzata da Platinum Guild International, dal 5 al 30 Novembre 2008 alla Triennale di Milano

Eternal Platinum trasforma la fede in platino in opere straordinarie realizzate da 7 maestri del design, 7 maestri della moda e 7 maestri del gioiello, testimoni dell’eccellenza italiana e di quelle caratteristiche di “bello e ben fatto” che è il made in Italy.

La fede in platino è il simbolo dell’amore eterno come del sentimento che unisce due persone: raro, durevole e prezioso come il platino. Per la prima volta la fede in platino è stata pensata da maestri del progetto le cui opere hanno contribuito a diffondere e promuovere il mito del made in Italy nel mondo. Il platino rappresenta così il trait d’union tra design, moda e gioiello, avvicinando professionisti molto diversi per linguaggi e ambiti di riferimento.
Da Fabergé a Cartier, i più insigni maestri della gioielleria hanno sempre preferito lavorare con il platino puro, un metallo eccezionalmente duttile quanto durevole che si presta alla concretizzazione di idee sublimi ed esclusive. Il platino è una lega pura al 95% e il suo colore bianco rimane invariato nel tempo. Ed è proprio oggi, che il platino diventa il metallo ideale per il design Italiano d’eccellenza.

Nella mostra curata da Alba Cappellieri, professore di design del gioiello al Politecnico di Milano, la fede in platino diventa occasione di riflessione progettuale da parte di professionisti afferenti a diverse anime del progetto: il design, la moda e il gioiello. Sergio Asti, Antonia Astori, Andrea Branzi, Pierluigi Cerri, Aldo Cibic, Antonio Citterio, Patricia Urquiola per il design, Albino D’Amato, Salvatore Ferragamo, Gianfranco Ferré, Alberta Ferretti, Pierluigi Fucci, Antonio Marras, Debora Sinibaldi per la moda, Giampaolo Babetto, Gabriele De Vecchi, Alba Polenghi Lisca, GianCarlo Montebello, Rossella Tornquist, Giorgio Vigna, Annamaria Zanella per il gioiello hanno esplorato le qualità del platino e il simbolismo della fede. Ai 21 progetti si aggiungono due progetti degli studenti del corso di perfezionamento in design del gioiello del Politecnico di Milano, Claudia Bombara e Barbara Antolini, a testimoniare l’interesse per la fede in platino anche di giovani progettisti.
Ognuno degli ideatori coinvolti nel progetto ha permeato il proprio manufatto di una forte personalità, e in ogni fede si rivela il pensiero dell’artista nei riguardi dell’amore eterno. I disegni che accompagnano i modelli aiutano a comprendere il processo che ha portato alla loro realizzazione e come l’approccio di chi li crea permea l’oggetto finale.
I risultati, sorprendenti per varietà e interpretazioni sono in mostra alla Triennale di Milano dal 5 al 30 Novembre 2008, con un catalogo inglese/italiano edito da Skira. I progetti saranno disponibili su un sito internet www.eternalplatinum.com dal 3 Novembre che permetterà a chi non potesse recarsi in Triennale di avere una visione completa dell’evento. E’ inoltre previsto un servizio di interazione con il pubblico per rispondere alle loro domande sull’uso del platino in gioielleria. La mostra proseguirà nei prossimi anni in altre parti del mondo portatrice della forza creativa e di espressione del Made in Italy.

La mostra sarà affiancata da un concorso on-line che avrà inizio la sera del 3 Novembre e terminerà il 15 Dicembre 2008. Quest’ultimo prevede l’estrazione di un partecipante che dopo aver risposto ad una o più domande  orrettamente, vincerà una coppia di fedi in platino. Inoltre saranno previsti 10 ciondoli in platino come secondo premio.

Categorie: Gioielli Tag: .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: