Red Wing Shoes….Oltre 150 anni di storia : Red Wing Shoes nasce nel 1905 e prende il nome dall’omonima cittadina della Mississipi Valley in Minnesota e, da piccolo negozio, dove il fondatore Charles H. Beckam confezionava le prime scarpe  già dal 1857 , cresce fino a divenire una delle più importanti manifatture al mondo di scarpe e stivali da lavoro.

Agli inizi del secolo scorso Red Wing Shoes diviene fornitore ufficiale delle Forze Armate Americane. Il boom della produzione arriva  con lo scoppio della   Grande Guerra , dove tutti i soldati americani calzano   il modello NU 16 .
Durante il secondo conflitto , l’azienda è impegnata a pieno regime nella produzione di 239 varianti dell’anfibio militare , secondo misure e larghezza della pianta del piede che differivano per le svariate etnie che componevano l’esercito statunitense, affina e migliora l’arte produttiva.

Durante la sua esistenza il marchio Red Wing Shoes , oltre ad aver attraversato  due guerre mondiali , supera con successo  la crisi del   ’29  , tanto da essere immortalato   da Norman Rockwell e Les Kouba, nei loro disegni negli anni ‘ 50 , per divenire poi un mito, un’ icona nazionale e un simbolo della prosperità americana.

Le caratteristiche di queste calzature rimangono le medesime da più di 150 anni : il confort la qualità e la resistenza sono le stesse di allora . I modelli classici coniugano robustezza e stile con l’understatement della tradizione Americana e arrivano inalterati fino ai nostri giorni grazie ad una accurata e maniacale gestione di tutti i processi di lavorazione ; infatti , sono almeno sette le diverse fasi , dall’ispezione dei materiali al controllo finale , che garantiscono ciascun  paio prodotto.  Lo standard ORO ,sottolinea la qualità dei pellami utilizzati e del lavoro assolutamente artigianale e le nuove tecnologie impiegate ne esaltano il risultato.
Praticamente un occhio sempre attento al futuro , senza però dimenticare “le cose fatte bene come una volta “, caratteristiche essenziali che donano un particolare sapore e fascino a queste particolari calzature .

Pur conservando la sua solida estetica  tipica americana e rappresentando il “tributo allo spirito indipendente e alla ruvida natura dei lavoratori americani” Red Wing   è riuscita a proporsi con successo al mercato europeo e anche al  più esigente mercato italiano.
Pellami esclusivi, colori nuovi che si affiancano a quelli storici ,differenti ed innovative suole  , trattamenti antiacido e antigraffio permettono  a Red Wing Shoes  di proseguire a fornire le calzature ai lavoratori di Corporate America secondo la migliore tradizione di affidabilità  Americana e allo stesso tempo in Italia, grazie ad una selezionata ed accurata distribuzione , di essere presente nei punti vendita  di abbigliamento e di calzature più rappresentativi .

Per la Collezione Autum Winter 09 , la Casa Americana presenta oltre  ai modelli classici, ispirati ai tradizionali lavori che hanno reso grande l’America , alcune  nuove  forme , sempre legate al work word e nuovi pellami con particolari trattamenti ,  che nascono sempre dalla tradizione e vengono realizzati rispettando tutte le caratteristiche produttive che contraddistinguono Red Wing e sono sinonimo di qualità e tradizione.

2971 : Stivale con costruzione  goodyear welt , fa parte della Coll. Enginer, realizzato artigianalmente , veniva utilizzato dai macchinisti dell’ American’s Railsroad .

8181 : la classica scarpa Red Wing  da lavoro è ormai diventata un a leggenda dello ,sviluppo americano, realizzata con costruzione goodyear welt  e pellami di primissima qualità che la rendono indistruttibile ma assolutamente confortevole.

877 : è la scarpa disegnata per una piacevole camminata nei campi e nelle praterie che presenta la speciale suola “traction tred”; negli USA è da oltre cinquanta anni che la Prarie Boot (877) , viene considerata una leggenda della campagna americana.

Red Wing Shoes è distribuita in Italia da Fattore K , Via Pietrasanta , 12 Milano.

Categorie: Scarpe Uomo Tag: .

Articolo pubblicato da in data: 22.01.2009
Ultimo aggiornamento: 22 gennaio 2009