Il mondo della musica targato Emilia il prossimo 25 giugno scende in campo per aiutare i loro conterranei. La terra che ha dato ai natali a molte star della musica italiana trema e loro corrono a Emilia Live per raccogliere i fondi che verranno devoluti alla popolazione colpita dal sisma.

Un grande evento in programma per sostenere le popolazioni colpite dal sisma cui parteciperanno tante star della musica italiana di origine emiliana: e’ l’iniziativa promossa dai Nomadi, che stanno mobilitando gli artisti che potrebbero prendere parte al concerto, da Vasco Rossi a Ligabue.

Ieri intanto è arrivata la prima adesione ufficiale, quella di Francesco Guccini e secondo indiscrezioni tra i nomi possibili ci sono Laura Pausini (che devolverà l’incasso dei concerti di Verona del 4, 5 e 6 giugno agli sfollati del sisma), Gianni Morandi (al momento in Spagna), Samuele Bersani, Modena City Ramblers, Luca Carboni, Cesare Cremonini, gli Stadio, Irene Fornaciari e forse anche suo padre, Nek e i Rio. Anche il management di Vasco fa trapelare che il rocker si sta mobilitando per esserci. Intanto il suo storico chitarrista Maurizio Solieri, ha confidato che che non si tira indietro per il concerto. «Se mi chiamano ci sarò sicuramente e non vorrò un euro. Vasco non lo so, non posso fare illazioni».

La lista completa sarà comunicata a giorni, ma il mega concertone per le vittime del terremoto sta raccogliendo sempre più adesioni.  Il suo animatore, il leader dei Nomadi Beppe Carletti, lavora senza sosta per lo show da quando ha raccolto su Facebook l’appello del consigliere regionale del Pd Marco Barbieri. La diretta televisiva dallo stadio Dall’Ara di Bologna che sarà affidata, con tutta probabilità, a Rai Uno, non ospiterà solo un lungo concertone, il cui ricavato sarà devoluto in toto ai terremotati, ma una vera e proprio serata-show. A condurla dovrebbe essere Fabrizio Frizzi.

“Il prezzo del biglietto non sarà inferiore a 25-30 euro e sicuramente ci sarà la tribuna, perché chi vuole stare più comodo è giusto che paghi di più, niente biglietti omaggio — spiega perentorio il leader dei Nomadi —. Che solidarietà sarebbe? Ognuno deve dare qualcosa, noi artisti non prenderemo un euro e anche chi ci accompagna pagherà”.

Categorie: Agenda Tag: , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: