A New York, Salvatore Ferragamo ottiene un risarcimento per 4,3 milioni di dollari dopo la vittoria in Tribunale contro società che ne avevano contraffatto il marchio.

Da anni la Salvatore Ferragamo SpA è impegnata in prima linea nella lotta alla contraffazione.
Brand storico, tanto che vanta le sue origini nel lontano 1927, si è imposto nel mondo come uno dei principali operatori del settore del lusso.

Oggi una buona notizia arriva da oltreoceano dove la Salvatore Ferragamo SPA si è vista vincente in Tribunale.
Ma andiamo per ordine, la Corte del Tribunale del distretto meridionale di New York, presso cui la Società fiorentina aveva iniziato lo scorso mese di gennaio un’azione civile contro 15 titolari di complessivi 95 nomi di dominio che usurpavano il marchio e che commercializzavano prodotti contraffatti, ha infatti emesso la sentenza con la quale riconosce la sussistenza di un danno di oltre quattro milioni di dollari a favore della Salvatore Ferragamo.

Una precedente decisione della stessa Corte aveva già disposto il trasferimento dei nomi di questi domini alla Società e aveva provveduto all’oscuramento dei siti.

La nuova sentenza, arrivata proprio in questi giorni, condanna i contraffattori a risarcire alla stessa Società 4,3 milioni di dollari.

“Accogliamo con grande soddisfazione questa decisione presa dalla Corte di New York – commenta Ferruccio Ferragamo, Presidente del Gruppo Salvatore Ferragamo – che ha compreso il pericolo rappresentato dalla contraffazione online per i consumatori.
Come Azienda siamo impegnati nella tutela del nostro marchio e nella lotta alla contraffazione che da molti anni assedia i marchi più prestigiosi del settore della moda e del lusso.

Internet è divenuto ormai un canale di primaria importanza per chi traffica in prodotti contraffatti, ed è al centro delle ultime azioni legali intraprese dal nostro Gruppo, storicamente fra i più bersagliati dal fenomeno”.

L’agguerrita battaglia contro questo fenomeno, combattuta nelle aule dei tribunali di tutto il mondo, vede i legittimi proprietari dei marchi registrare successi crescenti, grazie anche a legislazioni locali e internazionali che gradualmente prendono coscienza della gravità del problema e si ammodernano, dotandosi di strumenti adatti a difendere i diritti di chi subisce l’azione di pirati e imitatori.

La sentenza premia la qualità e condanna apertamente il fenomeno della contraffazione che arreca un danno all’immagine, al business e alla reputazione dei marchi in termini di artigianalità e Made in Italy di qualità .

Categorie: Trade News Tag: , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: