Si rincorrono insistenti le indiscrezioni sull’inserimento di John Galliano da Margiela. Una collaborazione importante che potrebbe scrivere per sempre la parola fine alla diaspora del designer francese da una casa di moda all’altra.

Le disgrazie di John Galliano iniziarono nel 2011, quando fu licenziato in tronco da Dior per aver fatto commenti commenti razzisti e antisemiti in un bistrot francese. Un gesto che gli è costato la carriera, poiché da allora nessuna azienda ha più voluto avere a che fare con lui.
Solo qualche piccola collaborazione con Oscar de La Renta, un impiego in Russia come creativo dell’azienda di cosmetici Etoile e poi più niente.

E’ il New York Post a spifferare il gossip del momento: “ Galliano è in trattativa con Margiela per disegnare una linea di haute couture – rivela una fonte anonima – ha già assunto un paio di persone per allestire l’atelier di Parigi.”

Voci che Renzo Rosso (patron di Margiela) si è affrettato a smentire, ma senza troppo convincimento: “Chi non vorrebbe lavorare con John Galliano? Se mai avesse di nuovo il suo nome indietro, sarei il primo a produrre la sua collezione.”

Che sia vero o no, l’ex direttore creativo di Dior non ha mai nascosto il suo desiderio di rientrare nel fashion business dall’ingresso principale: “ Devo ancora disegnare la mia migliore collezione – ha dichiarato Galliano – il nuovo John Galliano sarà più grande e migliore… amo lavorare, è la mia terapia. Posso disegnare tutte le notti fino alle 4 del mattino e non sentirmi stanco. Ho guardato in faccia i miei demoni, le medicine, l’alcol e ho ricostruito di nuovo me stesso. Ora sono pronto!”

Categorie: Trade News Tag: , , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: