QUIKSILVER BOWLRIDERS 2008…moda e sport in pista

QUIKSILVER BOWLRIDERS 2008 – Coppa del Mondo di Skateboard
12-15 Giugno 2008 / Malmö, Svezia

Per il terzo anno consecutivo Malmö si trasformerà nella capitale mondiale dello skateboard. Dal 12 al 15 Giugno infatti si prepara ad ospitare, nel più importante skatepark d’Europa, una delle più spettacolari tappe del campionato del mondo di skateboard. Per l’occasione i 48 migliori pro skaters al mondo tenteranno di scalzare dal suo trono il vincitore dell’ultima edizione, il danese Rune Glifberg, chiaramente determinato a non rinunciarvi facilmente.
La battaglia per l’edizione 2008 si annuncia feroce!

I dominatori del cemento
Il Quiksilver Bowlriders per quasi dieci anni è stato organizzato a Marsiglia (Francia), ed è sempre stato dominato dagli skater statunitensi che hanno sempre dettato legge grazie alle numerose vittorie di Omar Hassan e Tony Trujillo, per non parlare del back side 360° di John Cardiel realizzato con una tavola rotta – trick entrato nella storia dello skateboard e di cui ancora oggi si parla – o dei transfer di Alex Chalmer che sfidavano la morte.
Concedendo una notevole visibilità alla scena europea, il contest conferisce oggi la possibilità alle sue maggiori stelle di competere nella medesima categoria. Tra le superstar europee a Malmö avremo il piacere di vedere competere: l’italiano Daniel Cardone (rider Quiksilver e membro del FIAT Freestyle Team) il primo europeo a vincere il contest nell’edizione 2006 con il suo skating incredibilmente inaspettato e leggero; l’all-terrain master irlandese Ross McGouran; John Magnuson eroe locale piazzatosi al secondo posto nel 2007; il potente basco Alain Goikoetxea ed anche la leggenda danese Nicky Guerrero, skater della fine degli anni 80 della Powell Peralta. Tutti sono pronti per lo scontro a Malmö, dove, oltre al titolo per la tappa ufficiale della Coppa del Mondo di Skateboard – trasmessa in diretta sul web sul sito www.quiksilver-europe.com – vi saranno in palio 35.000 € di montepremi. Nel 2007 oltre 4.000 persone al giorno assistettero  all’evento gremendo gli spalti ed accerchiando le scenografiche strutture di cemento.

L’ottava meraviglia dello skateboarding: Malmö
Lo «Stapelbaddsparken» si trova nel sud della Svezia, sulle sponde del Mar Baltico, ed è diventato uno dei più famosi bowl skatepark del mondo grazie anche al continuo sostegno da parte della cittadinanza di Malmö ed alle sue istituzioni che operano in funzione della comunità degli skater. Sono stati necessari sei anni per completare la costruzione del gioiello architettonico e considerando il risultato ottenuto, ne è valsa davvero la pena: la perfezione dell’imponente superficie di 8.300 metri quadrati di cemento liscio lo hanno reso il luogo ideale dove realizzare il Quiksilver Bowlriders d’ora in avanti.

All’inizio era una piscina in cui girare…
Nel 1999 Quiksilver, grazie all’organizzazione del Quiksilver Bowlriders di Marsiglia ha portato alla ribalta un’originale disciplina dello skateboard: il bowl riding. A seguito di una serie di lunghi periodi di siccità in California negli anni ’60 e’70, una nuova generazione di skater iniziò a usare le piscine vuote come rampe per lo skate. Rapidamente nacque un movimento che eseguiva manovre tecniche maggiormente radicali ed innovative, affrontato in più occasioni dalla polizia. Lo skateboard era pronto per la rivoluzione di questo sport che da quel momento non fu più solo una trasposizione del surf sul marciapiede… Un affascinante racconto che nel  2000 ha visto la sua  concretizzazione in un film documentario realizzato da uno dei suoi protagonisti reali, l’ex professionista Stacy Peralta nel suo premiato “Dogtown and Z-Boys”.
Dopo alcuni decenni si chiuse il cerchio: infatti solo vent’anni dopo l’intervista del 1976 di Tony Alva per un magazine di skateboard nella quale dichiarò: “Un giorno, mi piacerebbe vedere un contest in una vera struttura”, il sogno del pioniere del bowl skating si è realizzato.

Ross McGouran (rider Quiksilver)
Ross può skatare per strada, ma può sconvolgere anche alcuni veterani del vert… Girare su qualsiasi struttura è la sua arma segreta. Ha solo 20 anni e viene da Harrow (Londra), ha mancato il podio per un pelo l’anno scorso, ma grazie al suo stile pulito e energico è stato sicuramente la rivelazione del Quiksilver Bowlriders 2007. Ci sorprenderà nel 2008? Molto probabile.

Daniel Cardone (rider Quiksilver)
Nel 2006, Daniel Cardone è stato il primo skater europeo a vincere il Quiksilver Bowlriders. Prima di lui la tappa della Coppa del Mondo di Skateboard è sempre stata dominata dagli americani. Il segreto italiano? È tutto nello stile fluido che mette in manovre improponibili, al punto che ci si chiede se ha ancora le ginocchia e le caviglie funzionanti. Daniel vola sulla strutture senza fatica e più velocemente di chiunque altro.I suoi  trick “tuck knee” hanno affascinato i giudici e sono diventati un marchio di fabbrica per lo skater bolognese. Cardone riflette nel suo skating il suo stile di vita: è un viaggiatore bohemien, che posa il suo bagaglio in ogni angolo del mondo dove trova uno skatepark a lui congeniale. La fama e la gloria non l’hanno intaccato, anche se Quiksilver ha appena realizzato il suo pro-model di scarpe (in bianco e nero, disponibili nei negozi Quiksilver). Ha 28 anni, ed è uno dei favoriti di questa competizione.

Rune Glifberg
Con 20 anni di skateboard da professionista alle spalle, Rune Glifberg è uno dei pochi skater europei ad aver raggiunto la notorietà negli Stati Uniti nei primi anni ’90. Un maestro del vert ed un ottimo rider in bowl, Rune è danese, ma vive a Copenaghen, a soli 20 minuti da Malmo dove si allena costantemente. Inutile dire che ha testato il park in tutte le sue possibili variabili, dal momento che lo frequenta dalla sua stessa nascita, un grosso vantaggio che gli ha permesso di vincere il Quiksilver Bowlriders 2007.

« Masters » contest
Christian Hosoi, Steve Alba, Pat N’Goho, Natas Kaupas… sono solo alcuni dei nomi che hanno costruito la storia dello skateboard. Uno per uno, tutti sono stati invitati a skateare nelle passate edizioni del Bowlriders. Nel 2008 è stato però ottenuto il contributo maggiore, 20 di queste leggende concorreranno a Malmö durante la prima edizione di un contest parallelo per i “Master” con un montepremi di 10.000 €.

Il circuito Quiksilver Bowlriders: le wild card
Questo non accade solo a Malmö. Attraverso una serie di contest in Europa, il circuito Quiksilver Bowlriders sceglie ogni anno 12 spot dando la possibilità al vincitore di ogni tappa di gareggiare contro i professionisti invitati alla fase finale a Stapelbaddsparken. L’obbiettivo del QBS è semplice: visitare i più importanti skatepark in Europa, per dare ai giovani talenti un’occasione di incontrare l’èlite dello skateboard mondiale.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy