Franca Sozzani pensa che certe persone che lavorano nella moda la rendano ridicola. E’ quanto si legge nell’intervista che il Direttore di Vogue Italia ha rilasciato al Telegraph.

Naturalmente il Mogol della moda italiana ha in mente una categoria precisa di persone: “ Non è la moda in se stessa ad essere ridicola, è la gente che ne fa parte a renderla tale – afferma Franca Sozzani – basta guardare la prima fila… solo alle sfilate vedi persone così, si vestono per essere fotografate dai bloggers, ormai è diventata una moda essere provocatori.”

Gli outfit oltremodo ricercati e vistosi che ‘colorano’ gli show della moda in questi ultimi anni, sono considerati un mero tentativo di attirare notorietà e non sono dunque approvati da Franca Sozzani, che nel 2013 festeggia 25 anni come direttrice del prestigioso Vogue Italia.

“Non siamo celebrities – prosegue Sozzani  – siamo persone che lavorano come messaggeri tra la moda e i lettori, non dobbiamo diventare delle star, e comunque se lo si diventa non è certo perché ci si veste in un certo modo, si indossano occhiali particolari o si sfoggia una determinata borsa. Non è questo il punto.”

Tra le altre cose, il direttore di Vogue Italia dice la sua anche su John Galliano, allontanato dal fashion system nel 2010, quando in stato di ebrezza si lasciò andare a pesanti commenti anti-semiti.

“Penso che John Galliano abbia pagato un prezzo molto alto per quello che ha fatto – dice Franca Sozzani – io lo sostengo, ognuno di noi merita una seconda possibilità nella vita. Naturalmente ha detto delle cose orribili, imperdonabili, ma non possiamo mica ucciderlo per questo!”

Leggi altre notizie di Costume e Società di Sfilate.it

Categorie: Curiosità Tag: , .

Articolo pubblicato da
in data: