C’è lo zampino di Madonna dietro la linea d’abbigliamento ‘Defend’ lanciata dal suo giovane toy-boy Brahim Zaibat.

E se ad indossare i capi di questa collezione, oltre a Lady Ciccone, ci si mettono pure Rihanna, Chris Brown e tutto lo stuolo di ‘celeb’ amiche della coppia, il successo pare assicurato.

Ma quando si tratta di Madonna non mancano mai le controversie. E, puntuali, arrivano le prime polemiche sul brand del ballerino Brahim Zaibat, artefice di una collezione basica di felpe, t-shirt e cappellini con un fucile AK47 stampato come logo e un nome evocativo: ‘Defend’. Un progetto che a prima vista sembra inneggiare alle armi e alla violenza, lanciando messaggi negativi e poco rassicuranti.

Che la Material Girl sia impazzita? Certo che no. Infatti, nonostante nome e logo suggeriscano un’immagine aggressiva, il brand ‘Defend’ nasce a sostegno dei più deboli all’insegna del motto ‘sosteniamo le cause in cui crediamo’. I proventi delle vendite non andranno interamente a costituire il fondo pensione di Brahim Zaibat (si sa, la carriera di ballerino ha vita breve!), ma una parte dei ricavati andrà a favore di un’organizzazione benefica a scelta dell’acquirente.

Come ha rivelato una fonte molto vicina alla coppia: “ Brahim sa che il suo lavoro di ballerino presto finirà e sta prendendo molto seriamente il suo nuovo ruolo di designer. Si sta impegnando tanto per conoscere a fondo il mondo della moda e vuole essere preso sul serio”.

La trasformazione del fidanzato di Madonna da ballerino a designer sarà senz’altro agevolata dagli innumerevoli contatti che Miss Ciccone ha nel settore della moda, come Riccardo Tisci, suo grande amico, ed un parterre di vip disposti a farsi fotografare con un AK47 stampato su una felpa per sostenere sì le cause dei più deboli, ma anche quella di Brahim Zaibat.

Leggi altre curiosità e gossip sui personaggi famosi

Categorie: Lifestyle Tag: , .

Articolo pubblicato da
in data: