MAW Men At Windows: la personale di Marco Pieri presso la NOWHERE GALLERY

MenAtWindows abita e rianima uno spazio urbano dimenticato e ormai senza vita attraverso una performance collettiva che si traduce non solo in uno scatto fotografico, ma in un’esperienza artistica realmente vissuta. Gli edifici abbandonati si riempiono temporaneamente di significato mediante un’operazione di addizione e sottrazione. E un’ opera d’arte istantanea: gli uomini in rosso, protagonisti della performance, ripopolano per un momento gli edifici, riversandosi e riempiendo gli spazi vuoti e incolore come una linfa vitale che riprende a circolare all’interno degli stabili.
Il proposito dell’ artista è quello di riappropriarsi di luoghi deserti, realtà metropolitane lasciate senza funzione dove l’arte ha il compito di riempire e rivitalizzare il vuoto.
L’ identità degli edifici non viene mai alterata,viene solo trasformata quando un centinaio di persone si riversa dentro lo spazio che diventa arte per il breve momento dello scatto.
Tutto è in realtà inevitabilmente destinato a tornare come prima, immobile, abbandonato: lo scatto è l’unica testimonianza dell’opera d’arte, del passaggio temporaneo di vita e di senso. Il colore rosso di cui si ricoprono le comparse risponde a una precisa decisione compositiva dell’ autore che intende in questo modo creare un contrasto con il grigio degli edifici immortalati. L’elemento rosso non ha nessuna valenza politica o di appartenenza: al contrario è vissuto come elemento che crea totale uniformità tra i partecipanti, pensato per risaltare nei vuoti della facciata. Con MAW l’artista decide di posare uno sguardo nuovo su forme e architetture che da tempo riempiono senza significato il contesto cittadino in cui lui stesso vive. Prima della performance ogni edificio viene studiato e indagato a lungo per essere compreso in tutta la sua complessità e unicità: ogni spazio viene reinterpretato sulla base della sensibilità estetica dell’artista che ne ricerca e ne valorizza la personalità, attraverso l’osservazione e lo studio dei volumi che compongono la struttura. La scelta dell’inquadratura, la disposizione delle comparse lungo le linee dell’edificio, la composizione dei pieni e dei vuoti, la scelta dell’ora in cui fermare il momento sono tutti elementi che rispondono a precise scelte stilistiche precedenti la performance. Tutto questo unito ai fattori imprevedibili e casuali che definiscono la foto (la luce del giorno scelto, il numero esatto dei partecipanti, la situazione meteorologica, ecc…) rendono unico e irripetibile l’istante fissato dallo scatto.
L’esperienza di MenAtWindows è per tutti. L’ingresso nella rete di senso di MAW avviene sempre in modo casuale e ogni progetto coinvolge persone diverse attraverso diversi percorsi. I mezzi di comunicazione privilegiati di MAW sono la rete e l’ e-mail: con questi mezzi vengono diffuse tutte le informazioni sul progetto, vengono diramate le modalità di partecipazione, vengono comunicati i dettagli delle nuove performance.Il resto è lasciato all’iniziativa di ciascuno: una volta raggiunti dal primo contatto l’unico modo per partecipare a questa esperienza è seguire le indicazioni e lasciarsi coinvolgere.

MAW Men At Windows, personale di Marco Pieri,  che inaugurerà giovedì 15 aprile 2010 alle h 18.00 presso la NOWHERE GALLERY in Via Del Caravaggio 14, a Milano.

Durante la mostra (precisamente dalle 20.00 alle 20.30)  si terrà una performance che vedrà confluire  un centinaio di persone all’esterno di un edificio abbandonato (sempre in Via Del Caravaggio). I protagonisti dell’azione sono riconoscibili, vestiti nello stesso modo in rosso, in contrasto con i colori grigi dell’edificio scelto.

Si tratta della volontà di rianimare uno spazio abbandonato e allo stesso tempo di dare nuova veste formale allo stesso, attraverso l’uso di elementi (persone) che alterano il significato, sia della forma che del contenuto ideologico.
La posizione delle persone deriva da un attento studio dei volumi e delle architetture degli edifici, mentre alcune variabili (la luce, fattori
metereologici, numero dei partecipanti ) rendono unica ogni performance.

I progetti MAW sono stati esposti a Palazzo Ducale a Genova, al Lingotto di Torino e al festival della Fotografia di Reggio Emilia.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy