Paris Hilton citata in giudizio

Paris Hilton

Paris Hilton è stata citata in giudizio per non aver resituito dei gioielli avuti in prestito da Casa Damiani.

Lei è bella, famosa, e fa tendenza, cosi Casa Damiani aveva accettato di darle in prestito gioielli preziosi dal valore di 60.000 dollari che Paris avrebbe dovuto indossare durante le occasioni ufficiali.

Le gemme preziose della Maison Italiana, secondo l’accordo, quando non venivano indossate, dovevano essere riposte in una cassetta di sicurezza.

Tuttavia, nel dicembre 2009, ci fu un furto a casa Hilton, un uomo riusci ad eludere i sistemi di sicurezza e a rubare oggetti per oltre 2 milioni di euro, tra cui i prodotti Damiani.

Secondo indiscrezioni non solo Paris non avrebbe sempre ottemperato all’impegno di custodirli con la massima cura , ma spesso nemmeno sarebbe stato inserito il sistema di antifurto presso l’abitazione.

La vicenda riprende durante lo scorso anno, quando la polizia riesce a recuperare l’intera refurtiva sottratta.

Paris restituisce parte dei gioielli ma non tutti, secondo quanto denunciato dall’assicurazione tedesca Allianz che si è vista costretta a citare in giudizio la ricca ereditiera.

Per il New York Daily News i gioielli non furono messi in cassaforte ma lasciati tranquillamente in un armadio.

Al momento il portavoce di Paris Hilton si è rifiutato di lasciare dichiarazioni.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy