Un mondo in transizione. Il valore intrinseco delle cose autentiche, di spessore, durature.
La rivisitazione degli “oggetti” quotidiani, trasformati e adattati alla vita di oggi ma con addosso tracce di vissuto.

Frutto di lavorazioni, trattamenti, di usure.
Un risultato profondo e ricercato, intimo e materico.
La sostanza che va oltre alla forma…Sembra pelle ma è jersey. Corposo, morbido, accogliente.

Jersey di poliestere, talmente battuto e trattato con tecniche innovative che prende l’aspetto della pelle Nabuk. Tinto in capo e poi trattato “Tinto Terra”.

Una rivoluzione tecnologica, capace di modificare la struttura intrinseca del tessuto a maglia.

I pigmenti delle terre si depositano sulla pelle “sporcando” parka e giacconi Mille Miglia.
 
La lana è invecchiata dal trattamento schiarente all’alluminio, per abiti e piumini reversibili che hanno “l’altra faccia “ in nylon leggero.

Lana mélange tecnica, gommata internamente e impermeabile, per Car Coat e impermeabili da cavallo.

La maglia si struttura e toglie spazio ai tessuti.
Spessa, infeltrita, a taglio vivo. Vanisè bicolore o a check.
Grandi cappotti, giacche, parka, Field Jacket.
Pea-coat in felpa pesante da capospalla.

Maglie spruzzate a mano internamente, dove il colore traspare con effetti sfumati.

Zaini e sacche, compagni di viaggi, in pelle Tinto Terra.
La conseguenza dei trattamenti sono i colori della terra; marrone, sottobosco, beige, nero e grigio.
Marrone spruzzato Tinto Terra in terra di Siena
Verde e beige spruzzati Nero Germanico.

Nelle foto:
Foto 1 sfilata C.P. Company AI0910
Parka in pelle Tinto Terra.

Foto 2 sfilata C.P. Company AI0910
Field Jacket in poliestere Tinto capo e poi Tinto Terra.
 
Foto 3 sfilata C.P. Company AI0910
Mille Miglia Tinto capo e poi Tinto Terra.

Categorie: Sfilate Moda Uomo Autunno/Inverno 09/10 Tag: , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: